"Thro' evening shades I haste away / to close the labours of my day."

Mens sana in corpore beato

Mi sono goduta la sagra di S. Martino, quest’anno, me la sono goduta per Qulo perché avrebbe dovuto essere domenica scorsa (mentre noi eravamo in FieraCavalli) e invece è stata rimandata causa maltempo. Principalmente ne ho approfittato per cercare cosette carine con cui allestire l’altare per Lei, visto che è la fissa del periodo… mi sto orientando sulle corrispondenze più basilari, al momento: pietre legate alla luna e all’acqua, pietre blu, conchiglie, candele bianche; quando siamo stati al rustico a provare l’arco di Yuri, sabato pomeriggio…

…ho raccolto un bel pezzo di ramo di betulla con la corteccia ancora pulita e bianca. Oggi ne ho approfittato per comprare gufi, ne ho preso uno piccolino, in corno e legno, e uno più grande in (…boh. Terracotta? Stucco?) con annessa minuscola aiuola di piante grasse. Non che i cactus c’entrino minimamente con Arianrhod, ma mi sembrava carina l’idea che una volta tanto non ci fossero soltanto “cose morte” sull’altare. Credo comunque che di tanto in tanto dovrò spostarlo per fargli prendere un po’ di sole, è parecchio buio come angolo durante il giorno.
Ho preso anche un piattino di legno porta-incenso, ma porta-anche-un-po’-quel-che-capita. Insomma, stasera guardavo e direi che finalmente comincia ad avere un aspetto soddisfacente… adesso cerchiamo anche di renderlo utile.

Fatalità (ma quando mai…?) verso ora di pranzo sono passata davanti alla vetrinetta di Capraro, in Piazza delle Erbe, e non solo aveva la dannatissima agenda moleskine a copertina morbida che io stavo cercando da settimane, aveva anche delle stupende agendine paperblank. Risultato: ho lasciato lì l’ennesimo moleskine per tornare a casa con QUESTA

Mani bucate, come al solito.
Sarà pure perché non sto bene con me stessa… ci riflettevo anche stamani, prima di uscire, che mentre aspettavo Yuri leggevo un capitolo di Drawing Down the Moon che parlava dei Radical Faerie; fare delle scelte salutiste – nell’alimentazione e nello stile di vita – fa indiscutibilmente bene al corpo, ma “mens sana in corpore sano” non vuol necessariamente dire che mettersi a regime risolva ogni problema. Se ho poca stima di me stessa, continuerò ad averne poca; se ho un rapporto di merda con il mio aspetto perché ho il terrore atavico di ingrassare anche di un solo kg come se questo potesse farmi diventare “brutta”, se non riesco a relazionarmi in modo sereno con il sesso (il mio o quello degli altri), se non accetto alcuni lati del mio carattere, se vivo in funzione dell’opinione altrui… vuol dire che mi serve una dieta sana per lo spirito, oltre che per il corpo. Magari una che ogni tanto mi concede una tazza di cioccolata calda con le amiche, perché fa bene al cuore.
Nessuno ci pensa mai, a questo?

Una Risposta

  1. Il modo in cui ci nutriamo influenza corpo e mente in modo non separato: “mens sana..” è una bella frase, ma è possibile (anzi ne sono certa) che fino ad oggi i nutrizionisti, soprattutto chi corre a difendere sempre e comunque la dita mediterranea, abbiano fallito.

    Non possiamo più basarci cecamente solo su divisione giornaliera fra nutrienti e calcolo delle calorie, dobbiamo piuttosto iniziare a tenere presente la reazione che ogni singolo alimento produce sul nostro corpo (e mente di conseguenza) In breve: non è detto che perchè sono decenni che ci dicono che la frutta fa bene, essa faccia bene a tutti davvero.
    Se in questo momento il tuo fisico e la tua mente sono dissociati (cioè se il corpo sta bene, la mente no), piò darsi che ci siano uno o più alimenti che devi allontanare..
    Solo come tentativo: elimina completamente il grano/frumento dalla tua dieta per una sola settimana (non ci sono in ogni caso conseguenze) sostituendo i carboidrati con legumi e patate (queste anche dolci), segna le tue sensazioni.
    Alla fine della settimane reintroduci il grano e per la seconda settimana fai lo stesso con latte/latticini, per la terza con la carne di maiale.
    Segui il metodo della strega, annota tutto: sensazioni, disagi e benessere fisici e pricologici, ascolta la tua pancia..
    Nessuno di questi interventi è in qualsiasi modo dannoso per la salute.

    Scusa se mi sono permessa, non ci conosciamo, ti ho trovata su YT e seguo tutti i tuoi video, mi fanno compagnia e comincio a considerarti un’amica.
    Sara

    22 novembre 2012 alle 17:41

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...