"Thro' evening shades I haste away / to close the labours of my day."

Quasi ora di bilanci…

Svegliarsi con un po’ di neve, ieri mattina, ha avuto il suo fascino, non c’è che dire. La suocera ci ha regalato un paio (un paio ciascuno) di “calze termiche” pelose-morbidose-goduriose che ho inaugurato stamattina e mi danno quella sensazione di possosopportarequalsiasicondizioneclimatica che quasi quasi neanche il Ciobar può. Nel primo pomeriggio nubi nere Oppa-Mordor-Style si erano ammassate a nord, il meteo metteva neve, io temevo Nazgul a grani grossi visto che ho piastrato i capelli, ma in realtà sono riuscita ad andare e tornare dai cavalli, a portare ancora fuori il cane e non è ancora sceso niente. Serata gelida e cielo stellato.

Stanotte ho sognato di essere tornata a scuola – tanto per cambiare – ma ero consapevole del fatto che fosse mercoledì mattina e che mia madre mi aspettasse per il caffè; così me ne sono andata, e quando una mia amica mi ha fatto notare che non avrei dovuto saltare lezioni, le ho bellamente risposto che tanto avevo VENTIDUE anni e il diploma l’avevo già preso. Brava, Giulia, brava.

Poi ammetto di stare sviluppando una specie di morbo per i tarocchi Wild Unknown; ci ho dato un’occhiata online la prima volta e non mi sono neanche piaciuti, ma adesso continuo a guardarli e cominciano a sembrarmi semplicemente il tipo di carte che sarei riuscita a disegnare io quando, illo tempore, io e Yuri avevamo buttato giù un paio di idee per un mazzo di carte “di casa nostra” (e di cui ho disegnato soltanto la prima, ed era il Gelso, dev’essere ancora su DeviantArt). In tutta onestà non credo che sarei in grado di usarle per la divinazione, però magari qualche altro utilizzo lo trovo. E visto che su ebay sono in vendita un pochino ribassate rispetto al negozio vero e proprio… hmm…

In occasione di Imbolc farò una purificazione della casa perché è il trend del periodo, e perché festeggiamo il primo anniversario tra queste quattro mura e in 12 mesi non ne ho fatta una che sia stata con tutti i crismi. Non so neanche se mi ricordo ancora come si fa.
Ad ogni modo, in un anno è successo praticamente tutto quel che poteva capitare: siamo stati bene, siamo stati male, abbiamo pagato le tasse e le spese condominiali, si sono rotte cose e le abbiamo aggiustate, abbiamo avuto ospiti, siamo stati a casa da soli, abbiamo sporcato e abbiamo pulito, siamo sopravvissuti al freddo, al caldo e a tutte le feste comandate, siamo partiti in 6 e siamo arrivati in 10 – sempre considerando i pesci come un unico collettivo. Siamo ancora vivi per raccontarlo in maniera decorosa, quindi, in sostanza, direi che ce l’abbiamo fatta. Non so Yuri, ma considerando il fatto che stasera ha colonizzato impunemente il salotto per abbioccarsi tra cuscini e copertine, direi che sia tranquillo anche lui u_u

2 Risposte

  1. CeleTheRef

    t’ho sognata qualche notte fa. io e un altro ragazzo arriviamo a casa tua e ti troviamo fuori dalla porta a faccia in giù, in uno stato decisamente pietoso. scopriamo che avevi fumato una canna in compagnia di un terzo ragazzo, che nel frattempo se ne era andato lasciando un documento col quale declinava ogni responsabilità circa il tuo stato di salute.
    boh.

    1 febbraio 2014 alle 00:01

  2. Ciao, ti ho nominato per il Liebster Award! Trovi tutte le istruzioni a questo link:
    http://ilripostigliodimargaret.wordpress.com/2014/02/02/liebster-award/
    besos!

    2 febbraio 2014 alle 14:50

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...