"Thro' evening shades I haste away / to close the labours of my day."

Arrangiamenti

Domenica, sagra.
Un po’ deludente, ad esser onesti, ma comunque una buona occasione per prendere una boccata di gente, portarsi a casa altre quattro pietrine (una mangano calcite, due mokaiti, una rodonite), e due teli indiani vagamente (MOLTO vagamente) celticheggianti da adoperare come tovaglie, uno sui toni dell’arancione e uno sul blu.

Mi piacciono, tamponano il mio perenne fastidio per le orribili piastrelle non-è-vintage-fa-solo-schifo; ci ho letto su le carte, domenica pomeriggio… da quando Yuri si è finalmente sistemato, abbiamo cominciato a parlare un po’ di case e di esigenze. Certo sarebbe bello avere di nuovo un angolino tutto per me, ma è da più di un anno ormai che ho imparato a farne a meno e mi tocca dire che non ne sento particolarmente la mancanza. Tutta questa casa, adesso, è il mio angolino, per questo mi accanisco nelle pulizie quando mi viene il mal di stare. Me la sistemo (e me la sono sempre sistemata) come piace a me, di conseguenza che sia la cucina, il soggiorno o la camera da letto, l’intimità la trovo dappertutto; non ho neanche sempre e necessariamente bisogno di restare da sola, anche se mi permette di tirare il fiato, mi sento a mio agio a far le carte o annotarmi le mie cosine anche a tavola mentre Yuri fa da mangiare, o a meditare a letto con gli auricolari con lui di fianco che dorme. Insomma, diciamo che sto perdendo la mentalità della “mia stanza” in favore di quella della “mia casa”. Non mi accontenterei comunque più di una sola stanza accomodata come mi aggrada, voglio che tutte siano in grado di farmi sentire a mio agio e trasmettermi qualcosa.
Mi viene in mente ogni tanto una ragazza che su facebook mi diceva che casa sua avrebbe dovuto avere una stanza adibita a “spazio sacro” in cui avrebbe messo delle teche con dei serpenti; sorvolando sul fatto che probabilmente questa pensasse che tenere un serpente fosse come tenere un criceto, in fin dei conti anche a me piace il salotto soprattutto perché ci sono tutte le bestiole (oltre che gli altari). Poi, per quanto sarebbe stràfico celebrare con un serpente che ti striscia addosso/intorno, la realtà dei fatti è che la cosa generalmente è poco fattibile. Per altro, restando in tema di serpenti, si avvicina il Reptiles Day, è ora di comprare un nuovo terrario a Vespira e qui, adesso, comincia ad essere ora di sistemare il mobile in modo da ricavarci lo spazio che serve. Personalmente non vedo l’ora, c’è un’accozzaglia di roba buttata là senza criterio solo perché non abbiamo più comprato una libreria o montato delle mensole, ora non ci sono più scusanti.
Tornando alla casa, ad esempio, c’è la questione delle finestre. Appena fa buio, Yuri tira giù tutte le serrande; ha qualche problema con la privacy, lui, e con le luci accese comincia a sentirsi gli occhi del creato intero puntati addosso. Per me è diverso… a meno che io non sia nuda come il culo di un macaco e intenta in attività poco graziose come depilarmi i polpacci, guardare fuori mi fa piacere; per il resto non mi interessa gran che se davvero a qualcuno cade l’occhio su un angolo di casa mia, anzi, la finestra è lì per dire “non sei tagliata fuori dal resto del mondo, ma sei nel tuo spazio”… anche se il panorama non è proprio il migliore che si possa desiderare. Martedì sera, che abbiamo avuto un po’ di pioggia, venivamo giù da Castion e io invidiavo immensamente chi si godeva la bruma, il bosco e quella luce da film horror firmato Guillermo Del Toro. Chissà tra qualche anno cosa mi capiterà di vedere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...