"Thro' evening shades I haste away / to close the labours of my day."

Settimana Infausta Proprio

Lunedì mezzo mondo si è svegliato con la notizia della scomparsa di David Bowie. Il commento della Nonna2 è stato “Anche Paolo (Claudio, NdT) Lippi ha rischiato di morire”. Uguale proprio.
Giovedì è morto Alan Rickman. Che settimana infausta. Massimo mi spiegava che sta prendendo sempre più piede la teoria che quando Aaron Ramsey, dell’Arsenal, segna, il giorno dopo qualche personalità muore… non so, tagliategli le gambe.

Ad ogni modo, durante il weekend passato mi era venuto lo sghiribizzo di andare finalmente dal parrucchiere a farmi mettere a posto la testa. Avevo già da un po’ l’idea di virare al biondo, perché è capitato durante una meditazione/viaggio (a volte faccio un po’ fatica a scindere nettamente le due cose…) di vedermi chiara. Punto al grigio, a dire il vero, ma ho addosso ancora troppi residui di vecchie tinte pseudo-rossicce per poter fare una decolorazione totale, perciò con Luca mi sono messa d’accordo e intanto mi ha pesantemente mechato. Che non mi dispiace affatto, mi dà modo anche di abituarmi all’idea; la gente mi sta dicendo che ho cambiato faccia – per qualcuno sono ringiovanita, io invece mi vedo improvvisamente tutti i miei 30 inverni addosso. Mi guardo allo specchio e con i capelli piastrati assomiglio un sacco a mia cugina Francesca (che è un gran complimento che mi faccio, diciamo).

2vwbna1

Martedì è arrivato lo Witches’ Spell-a-Day Almanac 2016… è una chicca. E’ vero che tutti i contenuti vengono pubblicati giorno per giorno anche sul sito della Llewellyn, ma per 12 euro scarsi il libriccino è impaginato con un sacco di fronzoli sfiziosi e c’è la soddisfazione tattile di poterlo sfogliare. Lo prendo dopo mezzogiorno, quando ho finito di lavorare e di fare mestieri in casa; se c’è qualcosa di carino da provare e ho tutto quello che mi serve sotto mano, lo faccio intanto che aspetto Yuri. Combatte le paturnie. Sono abbastanza soddisfatta di come io stia riuscendo a tenerle a freno da quando sono finite le ferie.

A parte giovedì mattina, che mi sono girate a elica perché alle 10:30 mi sono ritrovata nella sala d’attesa della dottoressa della Nonna2, con il pacco dei famigerati marrons glacés, in piedi perché non c’era neanche un buco dove sedersi, a questionare con l’immancabile pensionato che non vuole regalarti neanche 30 secondi del suo turno, e lei al bar perché andare dal medico “le mette ansia”. Ma ho sbagliato io, perché come riesce a fare la spesa, come riesce ad arrivare fino al bar, come entra in edicola a comprarsi gli orecchini, può andare anche dal medico a portarle il pensierino di Natale, tutto il resto sono capricci e scuse.

2hobwax

Ah, e restando in tema di nuovi arrivi, giovedì ho vinto queste <sbrill sbrill>

oh2uep

Domenica la prendiamo e la buttiamo via.  Mi sveglio nel cuore della notte, sabato, con uno strano mal di gola tutto a destra, che mi prendeva perfino l’orecchio. Vado in bagno e vedo una placca schifosa che fa capolino dietro la lingua, la bestemmia fatta a pus. Comincio a sfebbrare, alle 8 per disperazione sveglio Yuri e gli faccio vedere, va a cercarmi la farmacia di turno, torna con un carico aspirine-tantum-pastiglie agli estratti di pompelmo. La febbre arriva a 38.5 e alle 5 alla fine decidiamo di chiamare la guardia medica perché io sto diventando isterica dal male che fa. La dottoressa arriva alle 7:30, più o meno… mi guarda e dice solo “Oh, qui stiamo messi male”. Ci ridiamo anche su. Vinco 6 giorni di Amoxicillina, 4 giorni di riposo e una cena a base di McFlurry – che comunque non sono riuscita nemmeno a finire. Ho lo stomaco che invoca pietà, soprattutto dopo che per disperazione ho trangugiato un paio di fette di pane e ho preso un co-efferalgan per riuscire a dormire almeno un’ora e mezza. Insomma, tonsillite e placche come i bambini, Massimo dice che dovrei sentirmi giovane… io so solo che fa un male d’inferno e soltanto l’oki lo tiene un pochino a bada. Dev’essere un po’ come la varicella (che io ho avuto a 21-22 anni), una di quelle cose che è meglio farsi da piccoli. Sono qui che scrivo ed è quasi l’una del mattino, mi sono tirata su dal letto alle 11 passate perché non avevo pace, sono arrivata a bramare la decapitazione.
Speriamo di non aver contagiato nessuno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...