"Thro' evening shades I haste away / to close the labours of my day."

Buon anno nuovo!

Proviamo così, proviamo con l’app WordPress per desktop sul netbook – perché il fascino della tastiera proprio non mi passa, e il tablet di solito è impegnato a servirmi in qualche altra maniera. Questo netbook è lento come le mattine buttate nella sala d’attesa del medico, spero che bypassando Chrome ed impedendogli di mangiarsi tutta la poca RAM che resta, postare diventi una cosa un pochino meno snervante.
Azzarderei quasi a dire di sì.

Anno nuovo, vita nuova. Sono piena di entusiasmo e di nuovi propositi, speriamo che duri. Mi sembra di non essermi mai goduta la stagione tanto quanto quest’anno… sono persino riuscita a fare pace con me stessa su alcune cose (tempo, aspettative, roba del genere…). Le circostanze erano finalmente propizie.

Sto lavorando ad un’intro un po’ carina e più “homemade” per i video, in previsione di lasciarne qualcuno pubblico. Mi piacerebbe riuscire a recensire Mansions of the Moon for the Green WitchLa Via dello Sciamano, il numero di Novembre di Witch Way Magazine…
Sarebbe carino spendere due parole anche sulle scoperte musicali che sto facendo grazie a Spotify Premium – abbiamo fatto un account family, che è decisamente conveniente.
Quello che ha detto Arianna in uno dei suoi video (se apro adesso un browser random per recuperare il link, forse per quando arrivo alla fine di questo post riuscirò a fare il collegamento) è quantomai sacrosanto: sprechiamo una quantità immonda del nostro tempo sui social, soprattutto Facebook per quanto mi riguarda (mentre invece Yuri, per esempio, è malato di 9GAG), però non è che voglia estirparli dalla mia vita, anzi… solo darmi una regolata. Di FB ad esempio ho disattivato le notifiche, così decido IO quando aprirlo e controllare se ce ne siano.
Le Instagram Stories meritano più attenzioni, tanto per dire.
Che poi… parlavamo un giorno dei bookclub, i gruppi di lettura; in un mondo dove, pressoché ovunque io mi giri, sento dire perlopiù “non ho tempo per leggere” o “non ho soldi da spendere in libri”, uno ad un certo punto si chiede legittimamente quale miracolosa congiunzione astrale ci voglia per poter avviare un gruppo di lettura che rimanga vivo e attivo. Mah. Evidentemente con un bacino di utenza di proporzioni cittadine ce la si può fare.
Nel frattempo io joino volentieri quelli degli altri.

Samhain lo abbiamo festeggiato domenica, approfittando della luna nuova. Avevamo delle direttive spiritose riguardo il fatto di affrontare la celebrazione portando ognuno un contributo personale al significato di questa festa, del nuovo Giro di Ruota; così ne abbiamo approfittato per fare un altro round di “Discorso Ispirato” e una tavolata, senza ritualizzare nel senso stretto del termine. Non che servisse, secondo me… sono giunta alla conclusione che l’importante sia lavorare ed un “rito” di impronta religiosa non è il metodo che funziona per noi come gruppo.
In ogni caso mi sono innamorata di una foto di una ragazza che seguo su Instagram, l’ho notata nel mio feed mentre tornavamo a casa e mi ha colpito, perciò ho deciso di salvarmela. Mi trasmette qualcosa, e da oggi in poi qualsivoglia segnale sarà sempre ben accetto.

Magari le altre foto, quelle un po’ più witchy, me le riservo per Sentieri, che poraccio pure lui dev’essere rianimato ormai!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...